L’angolino degli emergenti #3

Ciao a tutti! Oggi per la rubrica “L’angolino degli emergenti” vi presento un’altra autrice italiana: Connie Furnari.

Ecco qui la presentazione del suo “STRYX. Il Marchio della Strega” appartenente al genere urban fantasy.

Editore:Edizioni della Sera

Pagine : 292

Prezzo : 12.00 €

(su Amazona 10.20€)

Trama

Dopo aver vissuto in Inghilterra, Sarah, una potente strega, torna a Salem decisa a ricominciare una nuova vita senza la magia. Inaspettatamente, giunge la sorella minore: Susan, strega intrigante e perversa che ha scelto di passare al lato oscuro per la sete di potere, determinata a sconvolgere l’esistenza di Sarah e degli ignari studenti del liceo di Salem. La vita scolastica si rivela fin da subito molto più dura del previsto. L’unico apparentemente interessato a conoscerla è un giovane dai grandi occhi grigio azzurro: Scott. Il solo ad essere in grado di risvegliare in lei antichi sentimenti che credeva ormai essere assopiti. Ma Salem ben presto comincerà ad essere sconvolta da numerosi delitti inspiegabili, il cui unico filo conduttore sarà un marchio a forma di ‘S’ posto sulle vittime. Le strade della cittadina diventano pericolose trappole mortali, e a Sarah non resterà altro che affrontare il suo oscuro passato per poter salvare le altre giovani streghe e se stessa.

« Ho iniziato la stesura di Stryx con l’intento di mescolare il folklore alla Wicca moderna, chiedendomi cosa sarebbe accaduto se una vera strega, vissuta al tempo dei puritani, fosse costretta a vivere nella nostra epoca. Nel mio romanzo ho cercato di sottolineare elementi tipici ai quali sono particolarmente affezionata: il copricapo a punta, gli incantesimi, i corvi, i gatti neri, e soprattutto le scope volanti. Tutta la storia è impregnata di metafore sull’emancipazione della donna. Sarah e Susan Sawyer, le due streghe protagoniste, rappresentano due criteri opposti con cui il gentil sesso usa il “potere”. Il messaggio finale del libro è che tutte le donne lo posseggono, ma la differenza consiste appunto nel modo in cui si decide di usarlo. Stare dalla parte del Bene o del Male delineerà il tipo di persona che si diventerà “da grande»  (Connie Furnari)

L’autrice

Connie Furnari nasce a Catania nel 1976. Rivela fin da piccola la sua passione per i libri, cominciando a inventare storie non appena impara a scrivere. Laureata in Lettere, con una tesi di psicanalisi freudiana sul “racconto perturbante”: un’analisi su come il fantastico interagisca nella vita reale, in modo diverso da persona a persona, fin dalle fiabe, analizzando le tipiche storie dell’infanzia, da Andersen a Hoffmann.

Nel 1995 vince il “Premio Superga” a Torino con “Il magico viaggio di Chris”, una fiaba che narra le fantasiose avventure di un giovanissimo scrittore.

Nel 2011 esce il suo primo romanzo urban fantasy young adult “Stryx Il Marchio della Strega” il quale riceve subito un’ accoglienza calorosa da parte degli amanti del genere. Per lo stile narrativo e per la storia intrisa di romanticismo, sarcasmo e combattimenti di kick-boxing, il romanzo viene più volte paragonato dai blogger al telefilm “Buffy l’ammazzavampiri”.

Nel 2012 inizia a preferire una narrazione molto più gotica e viscerale: un esempio è la rivisitazione dark della fiaba “Raperonzolo” nell’antologia “Fiabe Proibite”

Nel 2013 continua a pubblicare storie, tra cui “Moonlight”: un paranormal romance sui licantropi ispirato a “Romeo e Giulietta”

Da sempre appassionata di scrittura e di cinema, vive tra centinaia di libri e dvd; adora leggere, disegnare fumetti manga, e dipingere quadri a olio mentre ascolta musica classica. Scrive fiabe per bambini; fantasy, urban fantasy e paranormal romance per giovani adulti.

Il blog ufficiale dell’autrice www.conniefurnari.blogspot.it offre stralci delle sue opere, contest letterari e molto altro.

Cosa ne dite di queste atmosfere magiche? Siete appassionati del genere fantasy?

Annunci

3 pensieri su “L’angolino degli emergenti #3

  1. Non saprei; sono più appassionata delle belle storie quale che sia il loro genere 🙂 Potrei dire di no, dire “non mi piace il fantasy” ma non sarebbe del tutto vero 😀

    • Concordo con te! Anch’io non posso prendere una posizione decisiva sul genere fantasy…forse devo ancora scoprirlo meglio per poter “giudicare”! 😉

Lasciami un tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...