BOOKS OVERVIEW #5

Books Overview - L'angolino di AleCiao a tutti! Cosa state leggendo di bello in questo periodo? Se siete indecisi, vi lascio qui qualche titolo interessante per la rubrica “Books overview” : un contenitore di presentazione di romanzi dal quale “pescare” alcune buone letture.

∼∼∼∼〉   Buona pesca librosa!   〈∼∼∼∼

Iniziamo con qualche romanzo rosa per le romanticone (o i romanticoni) all’ascolto!

Titolo  Se torno, ti sposo
Autore:  Kristan Higgins
Pagine :   384
Prezzo :  12, 90 € cartaceo
Casa editrice : Harlequin Mondadori
(acquistabile su Amazon)
Trama : Un bel giorno di giugno, davanti a mezza città, in uno sfarzoso abito da principessa, con in mano un profumato bouquet di rose, Faith Elizabeth Holland fu piantata all’altare. Ma questo è successo un po’ di tempo fa. Da allora, dopo quell’umiliazione cocente, se ne è andata ed è diventata “un po’ cauta”, con gli uomini, tanto da aver inventato un metodo sicuro per non farsi più fregare: l’interrogatorio. La cautela, però, non è mai abbastanza, a quanto pare. Clint aveva superato tutti i suoi test, sembrava affidabile, perfetto, tanto perfetto che non gli mancava nulla, nemmeno moglie e figli. Carogna! Così, quando una crisi familiare richiama Faith alla Blue Heron Winery, l’azienda vinicola di famiglia, lei coglie la palla al balzo per allontanarsi il più possibile da quell’ultima delusione.Lì incontra di nuovo Levi, migliore amico del suo ex, mancato testimone di nozze e responsabile del suo abbandono. Lo stesso che l’aveva baciata. Lo stesso che forse lei vorrebbe baciare ancora.

L’autrice :

Kristan Higgins è un’autrice americana che ha venduto oltre 2 milioni di copie in tutto il mondo. Il suo segreto è uno stilo romantico e divertente che rende i suoi romanzi delle verie e proprie commedie brillanti dal sapore cinematografico. In Italia ha pubblicato: “Troppo bello per essere vero“, “Finché sei arrivato tu” ed “Un regalo per Miss Grey” tutti editi Harlequin Mondadori.

 


 Un altro romanzo rosa ma questa volta appartenente alla narrativa storica:

Titolo  La ladra di diamanti
Autore:  Sabrina Jeffries
Pagine :   384
Prezzo :  8, 90 € cartaceo
Casa editrice : Harlequin Mondadori
(acquistabile su HM)

Trama : Inghilterra/Scozia, 1828 – Victor Cale non sapeva che tra i molti talenti di Isabella, la sua giovane e timida sposa, ci fosse anche l’arte di creare gemme favolose. E sicuramente non poteva immaginare che lei mettesse a frutto la sua maestria per un piano criminale. Eppure Isabella è scomparsa e con lei gli inestimabili gioielli di una casa reale, sostituiti da una copia perfetta. Ora, a distanza di dieci anni, Victor, che non ha mai dimenticato la moglie, si trova in Scozia per conto della Manton’s Investigations. Il suo compito è di smascherare una misteriosa dama, intenzionata a circuire un ricco barone, che ha tutte le sembianze della sua Isabella. L’incontro tra i due è sconvolgente: troppi segreti incombono su di loro dal passato. Rancori, tradimenti e una verità che sembra avere due facce li allontanano sempre più. Eppure l’amore non si è mai spento: basterà un’esile fiammella a far divampare di nuovo un incendio di passione?


Proseguiamo con un altro romanzo rosa ma questa volta firmato da un’autrice emergente:

Accorgiti di me di Bridget NellanTitolo:  Accorgiti di Me
Autore: Bridget Nellan
Pagine :  181
Prezzo :  0,98€ (acquistabile su Amazon)
Self-Published
Trama : Ci sono gli amori che nascono all’improvviso, quelli che vanno e quelli che vengono, e poi ci sono amori che sono sempre stati lì; fermi nel tempo, a mutare con l’età e con le esigenze fino ad assumere la forma perfetta a cui erano destinati sin dall’inizio. E Diana non è un’eccezione.Per quanto lei si sforzi a mantenere l’amore a debita distanza, per quanto vorrebbe evitare inutili coinvolgimenti, le è impossibile.  Perché il suo amico di sempre è lì, intenzionato a farle aprire gli occhi una volta per tutte.Ma ci sarà qualcosa che remerà contro di loro mettendoli in difficoltà, un qualcosa che trasformerà un bacio cercato in un bacio da cui fuggire.Perché si sa, spesso l’amore e la ragione sono due facce opposte della stessa medaglia.

L’autrice :

Bridget Nellan è nata in un piccolo paesino sperduto tra i monti, cresciuta a contatto con la natura e gli animali, si è trasferita in città all’età di dodici anni. Da quel momento inizia il suo piccolo percorso nel mondo dei libri, iniziando a scrivere brevi racconti che conserverà amorevolmente nei vecchi cassetti di casa sua. Il grande salto però, che l’ha convinta a pubblicare la sua prima opera, è avvenuto nel Settembre 2013, quando, presa da un’impulso irrefrenabile, ha scritto nero su bianco la trama di Accorgiti di Me, suo primo romanzo appartenente alla Chills of Love Trilogy.


Un altro titolo che mi attira molto è quello di Sandra Faè:

Titolo   Ragione e pentimento
Autore:  Sandra Faè
Pagine :   138
Prezzo :  9,99 € cartaceo – 4,99€ eBook
Casa editrice :  GoWare
(acquistabile su Amazon)
Trama : Un buon matrimonio funziona quando hai voglia di tornare a casa.Si può sopravvivere a un tradimento? Francesca una risposta ce l’ha. Sa che è possibile passare indenni attraverso le canoniche balle di sapone del maschio in-amore-extraconiugale, digerire le frasi filosofico-riparatrici (tipo “con lei era solo sesso”) che schianterebbero pure l’ego di una top. Sa che andare avanti si può, e non solo per una figlia, ma perché, a volte, si è davvero fatti per camminare dallo stesso lato della vita ed essere ancora felici. Per lei e Stefano è stato così. E quando i nodi sembrano sciogliersi, ci pensa la vita a regalare a tutti un altro funambolico giro di giostra: Stefano che perde il lavoro e ne trova uno mal pagato nella lontana Piacenzaland, Francesca che scopre di aspettare un bambino e molto altro… Perché una famiglia è un team di equilibristi alle prese con la vita. Ragione e pentimento  è una commedia sentimentale, dove le tre voci narranti di Francesca, Stefano e Carolina, la figlia, offrono diversi punti di vista e traghettano il lettore verso una lettura coinvolgente sempre in bilico fra dramma e ironia.

L’autrice :

Sandra FaèSandra Faè è nata e vive a Milano, dove lavora per un’agenzia doganale. Lettrice forte, da sempre appassionata di scrittura, Sandra ha frequentato numerosi corsi di scrittura creativa, arrivando a pubblicare il primo romanzo “Frollini a colazione (ma io volevo la brioche)” (Ediz. ExCogita, 2010) e il successivo “Cene tempestose” (Ibuc, 2014). Viaggi, cinema, teatro e hobby creativi riempiono il poco tempo libero che le rimane. Ha quarantacinque anni, ma preferisce non si sappia in giro. Trovate qui il suo blog.


Proseguiamo con un libro Urban Fantasy “Poteri spezzati”

Titolo   Poteri spezzati
Autore:  Federica Nalbone
Pagine :   217
Prezzo :  2,49 € eBook
Casa editrice :  Lettere Animate
(acquistabile su Amazon)
Trama : Alison è una coraggiosa cacciatrice di creature soprannaturali che possiede il dono della preveggenza, ma quando il suo potere, inaspettatamente, comincia a ritorcersi contro di lei si ritrova in grave pericolo. Accorre in suo aiuto un misterioso e affascinante cacciatore, Dave, che la coinvolge in una corsa contro il tempo per tentare di scoprire perché i poteri di alcuni cacciatori siano diventati di colpo tanto pericolosi. Saranno avventure rischiose e i due ragazzi, nella splendida cornice di Chicago, verranno a contatto con molte altre creature: potenti stregoni, vampiri assetati di sangue, un misterioso fantasma e persino altri cacciatori con un’idea di giustizia ben differente dalla loro. L’amore busserà alle loro porte, ma i pericoli sono molti: qualcuno ha alterato un equilibrio precario e i due dovranno, prima di tutto, riuscire a salvarsi.

L’autrice :

Federica Nalbone è nata in Sicilia nel Novembre del 1987. Da sempre lettrice di libri Thriller, si è avvicinata da alcuni anni al mondo dell’Urban Fantasy sino a trovarlo fonte di ispirazione anche per i suoi scritti. È proprio la scrittura, infatti, la sua più grande passione, un piacere che coltiva da tempo con entusiasmo. Ama anche il cinema, segue svariate serie televisive e nutre un grande interesse per il mondo Disney. Trovate qui la pagina Facebook dedicata al romanzo e qui il contatto Twitter. Potete leggere gratuitamente qui il primo capitolo del romanzo.

Niente male, vero? Quale vi attira? Fatemi sapere!

Non mi resta che augurarvi una buona serata e buona lettura a tutti!

Annunci

Recensione: Tutta colpa del mare di Chiara Parenti

Buongiorno a tutti! Oggi andiamo tutti in Versilia con l’ultimo romanzo di Chiara Parenti targato “YouFeel“, la nuova collana di eBook edita da Rizzoli dedicata all’universo femminile. Per scegliere il libro giusto tra quelli proposti in questa collana, fate affidamento al vostro stato d’animo: Romantico, Ironico, Erotico, Emozionante. Questi sono i 4 mood tra i quali scegliere e sono tantissimi i titoli per svagarci un po’. Io ho scelto un titolo ironico ed ho letto “Tutta colpa del mare“. Se avete voglia di sorridere, non vi resta che leggerlo!

Titolo  Tutta colpa del mare 
Autrice :  Chiara Parenti
Casa Editrice :  Rizzoli (collana YouFeel)
Prezzo : su Amazon 2,49 € eBook

La trama - L'angolino di Ale

La vita di Maia procede a vele spiegate verso la felicità: un fidanzato appartenente a una prestigiosa famiglia, un lavoro presso una famosa agenzia di comunicazione di Milano, tre amiche splendide con cui trascorrere il weekend per festeggiare l’addio al nubilato di Diana, la futura cognata! Peccato che la meta prescelta sia la Versilia, dove Maia ha passato le vacanze fino all’estate dei 16 anni. Ritornare in quei luoghi e rivedere Marco, il primo amore, la manda in tilt. Maia si troverà a porsi una domanda fondamentale: e se invece che la fine di tutto, fosse solo un nuovo inizio?

La mia recensione - L'angolino di Ale

Gli amori estivi sono qualcosa di indimenticabile per tutti. Maia, la protagonista di questo romanzo, racconta il suo viaggio verso la Versilia in compagnia di Diana (la cognata, nonché futura sposa) ed altre amiche. Uno spumeggiante addio al nubilato le attende per fare festa a più non posso. Maia ha tutto (o quasi): un fidanzato ricco, un bel lavoro e tante amiche. Ma questo viaggio cambierà il suo modo di vedere le cose. Dalla sosta in autogrill fin dritti a Forte dei Marmi, si respira aria di baldoria ed il gruppo di ragazze è carico. Per uno strano scherzo del destino Maia incontra, sulla stessa spiaggia che 15 anni fa li ha visti protagonisti di una bella storia d’amore, Marco. Maia potrà finalmente concedersi un po’ di relax dalla routine quotidiana e da un fidanzato, Lapo, bello ma “pesante” ed ossessionato dalla linea e dai cibi sani ma insipidi.

Un vortice di emozioni travolgerà Maia come un’onda inaspettata riportandola alla sua adolescenza. Anche se, ormai, i tempi sono cambiati rispetto a tanti anni fa ed è arrivato Facebook a “demolire” la delicatezza di un legame, in questo romanzo si respira il profumo dell’estate e della libertà. Ma non quell’emancipazione che prevede il doversi sballare a tutti i costi, al contrario. Qui l’autrice ci riporta in quegli anni in cui giochi scherzosi, baci romantici ed il divertimento dei nomignoli (chi non ne ha mai dato uno?) faceva venire le farfalle nello stomaco e quella splendida malinconia, a fine estate, che ti faceva ripartire a settembre con un rinnovato entusiasmo per la vita.

” E poi potrai realizzare il tuo piano segreto di conquistare il mondo!?”

La sabbia, il mare, le canzoni del cuore da cantare a squarciagola: è tutto come un meraviglioso sogno ad occhi aperti. Quel sogno per il quale non servono preziosi diamanti ma solo tanta gioia di vivere. Maia ritroverà quest’ultima proprio laddove l’aveva lasciata. Si renderà conto che le responsabilità ed il lavoro talvolta offuscano la capacità di scelta (come quel mojito di troppo) e si finisce inevitabilmente per accontentarsi. Ma il tempo passa in fretta e le cose belle sfuggono dalle mani, come quegli amori che sembrano eterni ma si sfaldano come un castello di sabbia.

Chiara Parenti, con uno stile fresco e divertente, ci fa rivivere la vivacità delle vacanze estive, ricordandoci che il sale del mare ci rende vivi e dà sapore ai nostri sogni. Una vita insapore è sprecata e conviene darle gusto attraverso nuovi progetti per il futuro e, naturalmente, attraverso l’amore. Bisogna sempre trovare il coraggio di rischiare, lasciandosi tutto il resto alle spalle.

“L’infinito del cielo era sopra di noi, l’infinito del mare tutto intorno. E in quel momento, anche noi ci sentivamo infiniti”

Conosciamo l'autrice

Chiara ParentiChiara Parenti è giornalista pubblicista e lavora nell’ambito dell’editoria e della comunicazione. Appassionata di scrittura creativa, è autrice di un manuale di scrittura e coautrice di diversi saggi. Ha un blog personale: Il giardino d’estate. Trovate qui la pagina Facebook dedicata al romanzo “Tutta colpa del mare” e qui il blog ufficiale del romanzo.

Ecco il booktrailer di “Tutta colpa del mare“:

© L’angolino di Ale – Riproduzione riservataAlessandra - L'angolino di Ale (black)

Recensione: Volevo essere Audrey Hepburn di Vanessa Valentinuzzi

Buona domenica lettori! Oggi parliamo di sogni. Quelli che ciascuno di noi custodisce nel proprio cassetto. Viola, la protagonista del romanzo di Vanessa Valentinuzzi, ci insegna a tirarli fuori per provare a realizzarli. Buona lettura!


Volevo essere Audrey Hepburn

Titolo  Volevo essere Audrey Hepburn
Autrice : Vanessa Valentinuzzi
Casa Editrice :  Newton Compton Editori
Pagine :   317
Prezzo :  9.90 € cartaceo
(su Amazon: 8,49€ cartaceo / 4,99 eBook)
La trama: Viola Parini ha trent’anni e sogna di diventare sceneggiatrice di commedie romantiche. Dopo lo shock per la fine di una storia, proprio quando le sembra che la sua vita stia andando a rotoli, è invece in arrivo qualche sorprendente novità. Si trasferisce in una nuova casa dove organizza cene raffinate per ospiti selezionati. Viola ottiene un colloquio con la presentatrice TV più famosa del momento, la quale arruola Viola nella sua trasmissione. Quando Viola riesce a ottenere una rubrica tutta sua, si trova a dover fare i conti con l’affascinante direttore di rete.
La mia recensione4 - L'angolino di Ale
Noi donne siamo delle sognatrici nate. È inutile negarlo. Basta un nonnulla per far iniziare un film nella nostra mente (a volte, direi, proprio delle serie televisive!) e da un granello di sabbia, in men che non si dica, abbiamo già costruito un castello incantato. Viola, la protagonista del romanzo, ha dovuto ben presto aprire gli occhi su una realtà non sempre così rosea. Ma non sarà sufficiente un ex insensibile e sleale a fermare la caparbietà di Viola. La sua forza proviene da solide amicizie e da un rapporto aperto e sincero con la famiglia, in particolare con la nonna, Miriam. Quest’ultima, con il suo caratterino tutto-pepe, riuscirà a liberare la nipote da alcuni timori, dandole quella sferzata di sano ottimismo necessario per ripartire verso nuove mete. Il sogno di Viola è quello di scrivere una sceneggiatura per il cinema ma sembra un miraggio talmente lontano da sembrare quasi impossibile. Sebbene la delusione per la storia finita male sia tanta, quando si chiude una porta, altri nuovi inizi possono prospettarsi all’orizzonte. Viola ricomincia da una nuova casa, in centro a Roma, nella quale organizza, grazie alla complicità della sua migliore amica Cecilia, alcune eleganti cene settimanali per ospiti desiderosi di rilassarsi con del buon cibo. Il “Cous Cous Club” è un progetto ambizioso e conviviale che riscuote moltissimo successo tra i commensali, i quali fanno a gara per prenotare un posto su quella fantastica terrazza tra calici frizzanti e piatti succulenti. Quasi per caso Viola conoscerà Zazie, una famosa conduttrice televisiva, la quale, affascinata dalla sua bravura e maestria in cucina, la trascinerà nel magico mondo della TV. Inaspettatamente sarà un bizzarro manuale il punto di partenza e, grazie a quest’ultimo, per Viola inizierà un nuovo percorso di crescita che le farà scoprire nuovi lati di sé stessa e nuove esperienze professionali (e non solo).
Il manuale invitata semplicemente ad ascoltare l’altro. Forse, in tempi frenetici ed inquieti come i nostri, era proprio quello l’ingrediente mancante”
Viola potrà finalmente scatenare la propria fantasia e creatività, mettendo sul tavolo idee brillanti e fresche, le quali si dimostreranno vincenti. Il suo modello di ispirazione è Audrey Hepburn e come biasimarla! Audrey è stata (e sarà per sempre) un esempio di rara eleganza e bellezza. Proprio ispirandosi al famoso cappello da lei indossato in “Colazione da Tiffany“, nascerà una rubrica TV creata da Viola, nella quale se ne vedranno delle belle.
Lo stile di Vanessa Valentinuzzi è vivace, divertente e racconta la vicenda in modo spensierato. Si tratta di un romanzo rosa adatto a chi desidera entrare in un film romantico, anche solo per poco tempo.
Si percepisce l’effervescenza di questo romanzo sin dalla copertina, così allegra e colorata da mettere subito di buon umore. L’autrice ci insegna l’arte di realizzare un sogno, tagliando i ponti con il proprio passato e le vecchie ed inutili debolezze. Imparare dai propri errori si può, l’importante è trovare sempre la giusta energia per mettersi alla prova. Come dice Viola:
L’importante è respirare. Il segreto è tutto nel diaframma. È solo una questione di cipria e diaframma
Basta poco per sentirsi sicure di sé stesse e pronte per lanciarsi in un nuovo progetto di vita che, certamente richiede fatica e sacrificio, ma può anche celare grandi soddisfazioni.
La vita, a volte, ci riserva, proprio dietro l’angolo, piacevoli sorprese ed interessanti incontri. Basta tenere sempre alta l’attenzione e l’entusiasmo, senza perdere mai il sorriso e la passione per ciò che si fa. Dopotutto il lieto fine lo scriviamo noi. Tutti i giorni.
Dobbiamo dar voce ai desideri

L'autrice4
Vanessa ValentinuzziVanessa Valentinuzzi è nata a Roma. È laureata in Lingue e Letterature straniere ed è specializzata come traduttrice ed interprete. Il suo libro d’esordio è “Volevo essere Coco Chanel” uscito nel 2011 per Avagliano Editore.  Questo è il blog dell’autrice.


© L’angolino di Ale – Riproduzione riservataAlessandra - L'angolino di Ale (black)

Recensione: Paradise Valley – Il destino e l’amore di Patrizia Ines Roggero

Ciao a tutti! Oggi ci immergiamo tutti insieme nelle atmosfere avventurose del famoso West americano attraverso un appassionante romanzo d’amore di Patrizia Ines Roggero: “Paradise Valley- Il destino e l’amore“.  Questo libro rappresenta il primo episodio di una trilogia da poco pubblicata. Se amate le storie d’amore non lasciatevi sfuggire questa lettura. A presto!


Titolo  Paradise Valley- Il destino e l’amore

Autrice:  Patrizia Ines Roggero

Casa Editrice :  self-published

Pagine :   203

Prezzo :   0.99 € eBook (su Amazon)

Trama :

Sullo sfondo delle vaste praterie del Montana di fine ‘800, al tramontare dell’epoca d’oro dei cowboy, prende vita la storia di Jonathan e Abigail. Un amore segreto, un passato doloroso, un futuro incerto. Questo è il primo volume di una trilogia tutta da scoprire.


La mia recensione

Livingston- Montana luglio 1885. Il sole cocente avvolge ogni cosa ma Abigail, da poco tornata dal suo soggiorno di studio a Saint Louis, è abituata a questo clima. La ragazza, orfana di entrambi i genitori, vive con lo zio Matt nella sua tenuta del Circle F, dove tra allevamenti e pascoli la vita sembra scorrere placidamente. Il senso di spensieratezza è tangibile e lo si percepisce sin dalle prime pagine. Vasti spazi aperti, enormi praterie nelle quali cavalcare con magnifici esemplari di appaloosa (una particolare razza di cavalli) danno un ampio respiro al lettore, il quale non può far altro che immergersi in questa atmosfera rilassata tra animali e mandrie delle quali si percepisce quasi il lento pascolare.

Fonte: National Geographic

Abigail, impegnata tra il ranch dello zio e la sua attività di neo-infermiera in paese, è in attesa di qualcuno che possa farle battere il cuore. L’unico pretendente è Steve Shelley, rampollo benestante di una famiglia di proprietari terrieri. Ma Abby sembra prestare poca attenzione alle sue continue ed assillanti avances. Ben presto la tranquillità di Paradise Valley verrà scossa dall’arrivo di Jonathan Shelly, cugino di Steve e vecchio amico di Abby e Matt. La bellezza fresca e genuina di Abby farà agitare gli animi dei ragazzi del ranch ed il clima diventerà quasi burrascoso.

Il volto abbronzato e la dolcezza di Jonathan concorreranno a creare un’intesa tra lui e la giovane Abby, ragazza di campagna dai valori semplici e limpidi, come i suoi occhi azzurri. Ma le motivazioni che hanno spinto Jonathan ad abbandonare il suo villaggio sioux per ritornare a Livingston sono molte e non sarà facile ricucire vecchie ferite. Qui il ragazzo dovrà fare i conti con i pregiudizi della gente ed il disprezzo di questi ultimi nei confronti dei mezzosangue come lui.

L’autrice, Patrizia Ines Roggero, appassionata di storia americana e della cultura dei Nativi Americani, ha utilizzato molti elementi reali importanti, inserendo i suoi personaggi in un contesto storico di grandissimo fascino. Non mancano termini e nomi lakota (utile il glossario contenuto nel libro) che rendono il tutto ancora più vero. I fatti vengono narrati con precisione e delicatezza.

La lettura di questo romanzo self-published (ma che nulla ha da invidiare ad altre pubblicazioni tradizionali) è piacevole. Si tratta di una storia ricca di sentimento, di spiriti liberi, luoghi malinconici fatti di vaste distese e cowboy a cavallo.

Il vortice di emozioni è travolgente. La contrapposizione tra la pacatezza e tranquillità di questi luoghi nostalgici e l’intensità della passione dei cuori innamorati rende il ritmo della lettura incalzante.

Ma “Paradise Valley – Il destino e l’amore” non è solo il racconto di un amore travolgente e passionale, ma è anche un modo per far rivivere avvenimenti storici realmente accaduti (come la grande bufera di neve del 1886 che investì il Wyoming ed il Montana) intrecciandoli con le tradizioni ed i valori di un popolo ormai quasi dimenticato.

Jonathan cerca di scappare dalla sua gente per sopravvivere e pensare al proprio futuro trovando la giusta via da intraprendere nella propria vita ma lo fa senza dimenticare mai le sue origini.

Ciò che ora desidero è un po’ di tranquillità e mettere radici in un posto da poter chiamare casa

Trovo che questo primo volume di “Paradise Valley” sia ben scritto, con personaggi, luoghi ed eventi ben articolati fra loro. L’autrice è stata abile nel narrare i pensieri dei personaggi, facendo emergere le emozioni ed i sentimenti di ciascuno di loro in modo vivido.

Nota importante va anche alla bravura di Elisabetta Baldan, la quale ha curato l’aspetto grafico del romanzo.

Detto questo, non mi resta che proseguire nella lettura del seguito: “Gelosia e orgoglio“.

Naturalmente vi terrò aggiornati!

Se vi va, potete leggere gratuitamente  il prologo ed il primo capitolo del romanzo cliccando qui.


Conosciamo l'autrice

Patrizia Ines Roggero è nata a Genova nel 1979. Potete trovare qui il suo blog ufficiale e qui il suo sito. Patrizia, oltre ad essere una scrittrice, è una mamma e moglie. Nonostante i vari impegni ha partecipato a vari concorsi letterari con i suoi racconti e le sue poesie. Oltre alla trilogia “Paradise Valley“, Patrizia ha scritto una divertente raccolta di dialoghi tra suocere e nuore intitolata “Parola di suocera e parenti vari” (edito da Galassia Arte) ed alcuni racconti raccolti in varie antologie: “Amore (In)fedele” AA.VV. ; “365 racconti di Natale” (Delos Books); “La parola possibile” AA.VV. (Puntoacapo editore).

© L’angolino di Ale – Riproduzione riservataAlessandra - L'angolino di Ale

Luna di miele a Parigi di Jojo Moyes

Ciao a tutti! Oggi torniamo a parlare d’amore e andiamo con Jojo Moyes a fare non uno ma ben due viaggi di nozze a Parigi. I romanticoni sono pregati di accomodarsi, buona lettura!

Titolo :  Luna di miele a Parigi

Autrice :  Jojo Moyes

Traduzione di Dallavalle M.C.

Casa editrice :  Mondadori

Pagine :  89

Prezzo :   3.90 € cartaceo

(su Amazon: 3.32 € cartaceo)

Trama

Al centro di questo racconto due romantiche e tormentate storie d’amore quella di Sophie e Édouard Lefevre in Francia durante la Prima guerra mondiale e, circa un secolo dopo, quella di Liv Halston e suo marito David. “Luna di miele a Parigi”  si svolge alcuni anni prima degli eventi narrati nel romanzo “La ragazza che hai lasciato,” quando le due coppie si sono appena sposate. Sophie, una ragazza di provincia, si ritrova immersa nell’affascinante mondo della Belle époque parigina ma si rende conto ben presto che amare un artista apprezzato come Édouard implica qualche spiacevole complicazione. Circa un secolo più tardi anche Liv, travolta da una storia d’amore appassionante, scopre però che la sua luna di miele parigina non è la fuga romantica che aveva sperato…

Il mio commento nell’angolino

Ho conosciuto Jojo Moyes, scrittrice e giornalista inglese, attraverso la lettura di “Io prima di te” un romanzo intenso e coinvolgente che avevo addirittura inserito nella mia rubrica “Book spending review“. Se in tale occasione sono rimasta entusiasta e soddisfatta della lettura, purtroppo non posso dire altrettanto per la lettura di questo racconto “Luna di miele a Parigi“. Due coppie di novelli sposi si ritrovano, in due epoche differenti, alle prese con le prime discussioni e disaccordi matrimoniali. Sophie e Édouard sono i due protagonisti del racconto ambientato durante la Prima Guerra Mondiale. Lui artista, lei ragazza di provincia che arriva a Parigi e rimane folgorata dalle sue bellezze. Gli altri due sposini sono Liv e David: due ragazzi dei giorni nostri, entrambi super impegnati con il lavoro. Quest’ultimo entrerà prepotentemente all’interno della loro luna di miele, rovinando attraverso continui appuntamenti e telefonate,  i piani che Liv aveva romanticamente creato nella propria immaginazione.

Due lune di miele apparentemente disastrose: entrambe le sposine sperano in un momento da trascorrere con il proprio amato, senza interruzioni, senza intrusi; un inizio di vita a due perfetto, un modello da seguire per il resto della vita ma…non sarà esattamente così. Ricordarsi di essere in due è il primo passo per uscire dalla classica mentalità solitaria del single. Tra delusioni, infelicità, progetti, tradimenti, gelosie Jojo Moyes tratteggia il carattere dei suoi personaggi, soprattutto quelli femminili, sottolineando le caratteristiche ed i desideri di ciascuna giovane donna innamorata, appartenente a qualsiasi epoca. Ciascuna di loro vive con la consapevolezza che quel momento non tornerà e che una luna di miele (nella maggior parte dei casi) non può durare per sempre.

Hanno detto che la luna di miele è un’occasione unica, un momento della nostra vita che non avrei più rivissuto

L’intreccio dei due racconti è ben alternato ed salti temporali da un’epoca all’altra non disturbano la lettura.

Nonostante ciò, la lettura di questi racconti devo dire che non mi ha per nulla soddisfatta. Probabilmente l’estrema brevità  del racconto non fornisce alla storia lo spazio sufficiente per “decollare”. Bisogna dire che si tratta di un prequel (quindi una sorta di introduzione al romanzo vero e proprio) che presuppone uno sviluppo ulteriore della storia e spero che questo racconto possa trovare una degna risoluzione nel romanzo vero e proprio (“La ragazza che hai lasciato“). Come racconto a sé stante “Luna di miele a Parigi” non emoziona più di tanto e lascia quella spiacevole sensazione di incompiutezza che, personalmente, non gradisco. Naturalmente non è opportuno valutare un romanzo semplicemente dal suo prequel. Mi domando chissà se nel suo ultimo romanzo, Jojo Moyes avrà riscoperto e raccontato con passione quelle emozioni autentiche e così genuine che aveva proposto in “Io prima di te” ? Se un giorno dovessi leggere “La ragazza che hai lasciato” vi farò sapere.

Una cosa è certa: non sono una lettrice amante di prequel! Preferisco un romanzo unico che abbia un inizio, uno sviluppo ed una fine certa. Ma i gusti sono gusti!

E voi che mi dite? Vi è mai capitata un’esperienza di lettura simile? Vi fate tentare dai prequel oppure, come me, preferite andare dritti al sodo? Come al solito, attendo i vostri commenti! Buon fine settimana a tutti!

© L’angolino di Ale – Riproduzione riservata

Book spending review #6 : Il cavaliere d’inverno di Paullina Simons

Buongiorno amici! Ritorna finalmente la rubrica “Book spending review“: ovvero la rubrica del come ottimizzare i nostri risparmi acquistando i libri “giusti”Oggi voglio parlarvi di un libro meraviglioso che tutti voi dovreste leggere per lasciarvi incantare dal racconto di una storia d’amore e guerra raccontata dai protagonisti diretti: Tatiana ed Alexander, due personaggi indimenticabili. Buona lettura!

Titolo : Il cavaliere d’inverno

Autrice :  Paullina Simons

Casa editrice : BUR Rizzoli

Pagine :  697

Prezzo :  10.90 €

(su Amazon: 8.50€ cartaceo)

Trama : Leningrado, 1941. Le sorelle Tatiana e Dasha Metanova dividono un’unica stanza con i genitori, i nonni e il fratello. Questa è la dura realtà della Russia di Stalin. Realtà che tuttavia sembrerà bella come un sogno non appena Hitler invade la nazione e comincia a stringere d’assedio la città. In questo scenario si incontrano la giovane Tatiana e Alexander…

La mia recensione

Quando un libro è ben scritto non c’è niente da fare: un lettore non può far altro che immergersi nella storia ed imparare ad amare, soffrire, lottare con i personaggi. È quello che mi è successo leggendo questo romanzo di Paullina Simons, talentuosa scrittrice russa. Non è facile raccontarvi questo romanzo, ricco di eventi e di emozioni. Tatiana vive con la sua famiglia in una modesta casa. È una ragazza volenterosa, tenace e soprattutto generosa. La vita scorre senza troppi intoppi fino al momento in cui la radio (unica fonte di informazione) informa che le truppe tedesche hanno invaso la Russia. È il 1941.  È l’inizio della Guerra. Il cibo inizia piano piano a scarseggiare e Tatiana esce giornalmente alla ricerca di provviste per sfamare la famiglia. Durante una di queste spedizioni incontrerà Alexander, un ufficiale dell’Armata Rossa. I due inizieranno a frequentarsi, ben presto Tatiana scoprirà che quel sentimento è inopportuno e per tanti motivi deciderà di andare contro sé stessa, per proteggere sé stessa e la sua amata famiglia. Ma quell’affetto è dirompente e si trasformerà nel corso della narrazione, diventando odio, risentimento poi amore, rancore ed ancora passione. Mille emozioni, un’alternanza di sensazioni e di tormenti che rendono viva la descrizione degli eventi.

“Il sibilo delle bombe, il fragore delle esplosioni non erano niente a paragone del dolore che gridava nel suo petto”

La vita di Tatiana, una diciassettenne come tante, cambia radicalmente ma non cambierà il legame indissolubile che la legherà fino infondo alla sua famiglia, in particolare alla sorella maggiore, Dasha. Le illusioni di una giovane ragazza diventeranno sensi di colpa. Con mano tremante Tatiana crescerà e mostrerà tutto il suo altruismo ed il suo coraggio, fino quasi al punto di annientare sé stessa per aiutare gli altri. I protagonisti combatteranno per la grande Madre Russia e per proteggere la loro dignità.

Cammina, cammina, non alzare gli occhi, si disse Tatiana. Copriti il viso con la sciarpa, copriti gli occhi se necessario, non guardare Leningrado, non guardare i corpi ammucchiati nel cortile, non guardare i cadaveri che giacciono sulla neve […]”

In quasi 700 pagine (che, vi assicuro, volano via una dietro l’altra) il lettore vive una delle esperienze più drammatiche e sanguinose della storia. La Guerra (purtroppo quella con la G maiuscola) annienta tutto e tutti. Spazza via persone, monumenti ed intere città, trascinando con sé brandelli di umanità , di sogni infranti e di gioie rubate.

Cavaliere di bronzo

Statua equestre di Pietro il Grande a Leningrado. Scultura nota come “Cavaliere di bronzo”. Photo: Dimitriy Yakovlev Shutterstock.com

Leningrado, l’odierna San Pietroburgo, passa dalle mani di Stalin a quelle di Hitler. La città, messa sotto assedio durante questa Seconda Guerra Mondiale, venne distrutta e la sua popolazione decimata. Lo scenario è descritto nella sua magnificenza prima e nel suo strazio dopo e durante il conflitto. Trincee, barriere antiaeree, il freddo pungente ed il gelido inverno che incombe sulla città, diventeranno protagonisti stessi della storia.

Le descrizioni sono forti, l’energia che emerge dalla penna della Simons è qualcosa di davvero unico: la scrittrice riesce a combinare in modo eccellente due scenari contrapposti in modo perfetto: la crudeltà della guerra e la delicatezza di un sentimento come l’amore. Due situazioni contrastanti ed antitetiche che si fondono in un’unica splendida narrazione.

Ci sono alcune battaglie che, per quanto tu non ne abbia voglia, devi assolutamente combattere. Battaglie per cui vale la pena dare la vita

Tatiana troverà la sua salvezza in un sentimento più grande di qualunque altra cosa. La gente brucerà i libri per scaldarsi, per trovare calore nel rigido inverno sovietico, ma Tatiana cercherà di salvare l’unico libro che la aiuterà a sopravvivere “Il cavaliere di bronzo” di Puškin, regalatone da Alexander, l’unico conforto in una realtà avvelenata dalla violenza. I bombardamenti distruggeranno tutto tranne la fede, tranne l’amore. Non sarà la razione giornaliera di centoventicinque grammi di pane a tenere in vita Tatiana. La sua forza d’animo sarà la sua difesa e la sua ostinazione diventerà la sua unica via d’uscita per poter continuare a sperare in un futuro migliore, in un’amore impossibile, nella possibilità di superare qualsiasi ostacolo e qualsiasi distanza, nella lotta alla conquista della propria libertà.

Personaggi indimenticabili in un romanzo che, nella sua intensa drammaticità, è dolcissimo e ti conquista dalla prima all’ultima pagina. Imperdibile davvero!

© L’angolino di Ale – Riproduzione riservataAlessandra - L'angolino di Ale (black)